Pollo arrosto, patate al forno e torta paradiso. Il pranzo della domenica non l’ho fatta nemmeno ieri, ormai non so più quant’è che non mi sveglio tardi la domenica mattina, leggo i giornali mentre bevo il caffé, sto impigrito a girare per la casa e intanto dal forno esce un delizioso profumino. Ieri ero di brunch. Devo dire che è un modo di mangiare – quel mescolare il dolce col salato, la prima colazione con il pranzo – che apprezzo molto: mi rilassa non dover stare a tavola a un orario fisso e mi diverte spizzicare cose diverse. Il brunch di ieri era un incontro elettorale: saremo stati in duecento, ed è stato molto piacevole. Ho raccontato quello che farò per Milano e con chi ho intenzione di realizzare i miei progetti. Immagino un’alleanza larga, i modelli già ci sono; Venezia, ad esempio, che ha battuto il ministro Brunetta con il suo <laboratorio>. Ma la nostalgia del pranzo della domenica, quello fatto in casa con cibi genuini e semplici, mi ha fatto ricordare l’incontro di qualche sera fa con le mamme a discutere di Milano Ristorazione. Non ho figli piccoli, e per come la ricordo, la mensa scolastica è stata una grande conquista. Purtroppo una cattiva amministrazione riesce a rovinare anche le cose buone. A parte la pizza servita con il verme, le mamme che si battono perché i loro figli abbiano un’alimentazione corretta mi hanno raccontato particolari orrendi. Ma lo sapete che il pollo servito ai bambini arriva dalla Polonia? E che il tonno viene dalle Filippine? E le mozzarelle – le mozzarelle! – dalla Germania? La verdura dal Belgio e le zucchine dalla Francia? Tutto arriva precotto, pronto come il catering degli aerei. Nei piatti dei bambini non esistono più le stagioni. La Moratti si fa propaganda anche sulla pelle dei più piccoli: sui nuovi menù delle mense scolastiche, mi hanno raccontato le mamme, c’è il faccione dell’assessore. E si sono chieste: che c’entra la Moioli con la pasta alle lenticchie?  Bisogna – hanno ripetuto – tornare indietro. Quando accadeva che appena entravi alla materna ti veniva incontro la cuoca col grembiule e a metà mattina cominciavi a sentire il profumo. Profumo di pollo arrosto, patate, torta paradiso.