Archives for posts with tag: Comitati

Un giro di Valzer

Tutte le energie del mio staff sono puntate su sabato, sulla serata al Dal Verme per la presentazione del programma fatto dai cittadini per governare, con me sindaco, la città di Milano. Mi raccontano cose turche: la nostra sede di via Vigevano trasformata in un avamposto militare; schiere di volontari chiamati a raccolta per preparare il materiale; tonnellate di materiale, appunto, da distribuire a coloro che diventeranno, a partire da sabato, i miei ambasciatori in giro per la città. E’ il momento di arrivo di un progetto bellissimo: credo che mai sia stata fatta una cosa del genere. Le competenze dei cittadini al servizio della città e il tutto al servizio di un progetto comune. Una gara di generosità mai vista prima, un percorso di coinvolgimento dal basso che ha un solo, grandioso nome: democrazia.
Eppure, scusate, ma io adesso sono più preoccupato per domenica, non per sabato sera. Perché è domenica che mi aspetta quella che per me è la prova più impegnativa. Il Ligera di via Padova – un luogo che mi è molto caro perché è stato uno dei punti fermi della mia campagna per le primarie – è in prima linea, insieme al Comitato Pisapia sindaco per Milano della zona 2, in questa nostra corsa che finirà con la vittoria. Venerdì la serata si intitola <Con Giuliano Pisapia è tutta un’altra musica>. Poi però arriva domenica con l’iniziativa dal titolo <Una mazurca per Pisapia>. (altro…)

Ricomincio da 3

Hai tre modi per cambiare la città. Qui però ci vorrebbe una fotografia, perché descrivere con le parole il volantino che ha preparato il comitato di zona 3 non è abbastanza. Ci provo, comunque: allora, il primo modo è illustrato da una cinquecento con il portapacchi carico di tutto, dalle piante dell’ appartamento alla lavatrice (ovvio il significato: andarsene); il secondo da un uomo vestito in giacca e cravatta che infila la testa sotto la sabbia; il terzo sono io, la mia faccia e lo slogan <scelgo Giuliano Pisapia sindaco X Milano>. Deliziosi, quelli di zona 3! Mi hanno raccontato delle riunioni che hanno fatto per preparsi al nostro incontro di domenica, dicono che si sono molto divertiti, e il risultato ne è una prova evidente. Hanno scritto: vuoi sapere chi è, vuoi conoscere il suo programma, vuoi sapere perché noi lo abbiamo scelto? E hanno dato un indirizzo: vieni con noi, ci troviamo tutti i lunedì alle 20.45 al Circolo Arci di via Pascoli. Questo modo di fare la campagna elettorale mi mette l’argento addosso: la voglia di partecipare, gli incontri col sorriso, la passionaccia che salta fuori e dà la carica… mi pare di tornare indietro ai tempi in cui la politica non era un groviglio di interessi, era lottare per le tue idee e mettere al primo posto il bene comune. (altro…)

Piccoli comitati crescono

150, 200, 250? Non so quanti eravamo. Tutti stipati, fin dalle sei di sera, al Bottegas, in via Colletta 31, tra prodotti biologici e un happy hour fornitissimo ad ascoltare ma soprattutto a parlare con Giuliano. La prima festa di zona 4 dedicata ai cittadini e all’organizzazione dei futuri comitati di quartiere,sono già sei o sette, per i quali, solo sabato sera abbiamo ricevuto oltre 40 adesioni. Avevamo preparato una cartina della zona su cui ognuno poteva attaccare un post it confermando la propria disponibilità a partecipare alla campagna per una Milano migliore.A fine serata era completamente coperta da un tappeto giallo di indirizzi e commenti.

Giacomo, 8 anni è il primo a interrogarmi sul futuro della Milano dei bambini. E poi è stato il solito dialogo tra me e la città: i cittadini che suggeriscono, propongono, evidenziano, chiedono. Il tutto allietato dalla musica del dj Federico che per una sera ha svestito i panni di coordinatore di zona 4 per dedicarsi alla sua passione musicale.

E con i ragazzi del Bottegas carinissimi e sempre disponibili, primi sostenitori della nostra campagna, che sanno attenta alla qualità di quello che finisce sulle nostre tavole. E quando li ho lasciati, so che la festa è continuata tra capannelli di discussione politica,due chiacchiere tra amici, una birra con al Banco con Paolone Limonta che come al solito dava la carica di entusiasmo, anche se non ce n’era bisogno. (altro…)