Archives for posts with tag: Libertà e Giustizia

Tempus fugit

Quanto manca? Mi capita di guardare il calendario e di rivedere, come fosse una moviola, i miei ultimi quattro mesi. Mesi pieni, entusiasmanti, faticosi. Adesso manca solo una settimana…
Va bene così, era ora. E’ ora di cominciare a pensare all’avversario vero, alla Moratti o a chi per lei. A Milano che tornerà ad essere amministrata da noi, sulla scia di una tradizione riformista che molti hanno dimenticato. Mi piacerà essere il sindaco di questa Milano che si sveglia.

Mi ha colpito, ieri sera, l’incontro promosso da Libertà e Giustizia. Un teatro strapieno, ci saranno state 500 persone. Un confronto vero, perché ha ragione Sacerdoti quando dice che non è il momento di fare melina. Certo che non siamo nemici – per me non è un nemico nemmeno chi sta dall’altra parte, conosco solo avversari – ma in questa fase siamo contendenti e dev’essere chiaro quali sono le differenze tra di noi.  Sennò, come si fa a scegliere? La marmellata, adesso, non va bene. E’ appiccicosa.  Io penso – e i sondaggi lo confermano – di essere il candidato che ha più chance di battere il centrodestra. Per la mia storia personale, perchè non mi sono svegliato una mattina e ho deciso che volevo fare il sindaco, perché sono capace di parlare con tutti.  So che riporterò al voto i delusi e i disillusi; sono stati i loro messaggi – se ti candidi tu, torniamo a votare – a convincermi a buttarmi in questa avventura. (altro…)

Anche per loro

I ragazzi, in questi giorni, non finiscono di stupirmi. Alla fine di una giornata caricata di impegni come un puzzle, c’era una cena con gli elettori da Camilla, un’amica che ha aperto le porte della sua casa a molti altri conoscenti. C’erano anche i suoi figli, Leonardo e Margherita, e soprattutto c’erano tantissimi amici dei figli. Già Margherita: studia a Bologna, ieri mattina ha preso il treno solo per venire a sentire me. C’era Lavinia, che lavora a Brescia e che quando torna mi fa una propaganda scatenata: devo passare dal suo gruppo scout, mi dice, perché anch’io sono stato scout e questo fa la differenza. E poi Luca, Laura, Nicola, Angelo… non so nemmeno a memoria tutti i nomi. Mi hanno fatto decine di domande, mentre Natasha, la gatta di casa, se ne stava accoccolata sulle mie ginocchia. Hanno voluto perfino girare un video e hanno annunciato che lo manderanno in giro per convincere anche altri, che ancora magari non sanno che ci sono le primarie, ad andare a votare per me il 14 novembre.
Prima c’era stato il mio appuntamento con Libertà e Giustizia. Anche lì, al teatro Krizia, il clima era quello di una serata in una casa con gli amici. (altro…)