Archives for posts with tag: unioni di fatto

Dalla parte di Nicolino ed Enrico

Mi cambiavo per uscire, per andare alla festa che il Cam aveva organizzato per me. C’era un’atmosfera così allegra, che forse ho anche esagerato. Io, che gli amici mi prendono in giro perché dicono che non so ballare, ho ballato tutta la sera. Perfino, e Maria, un’amica che mi segue dall’inizio della campagna elettorale dice che ero perfetto, la tarantella. Ma prima di andare in corso Garibaldi, ho fatto un giro di canali in tivù e sono capitato su Fabio Fazio e sui 27 modi per dire <omosessuale>. Mi avevano appena raccontato quello che è successo ieri mattina alla Fiera di Milano, là dove c’é la conferenza sulla famiglia: dentro parlavano dell’ unica famiglia che <loro> riconoscono, quella <fondata sul matrimonio ai fini della procreazione>. Fuori c’era un pezzo di realtà. (altro…)

Il domani, oggi.

Una grandissima Giulia Lazzarini ha portato in scena, al Piccolo di via Rovello, uno spettacolo di Renato Sarti, <Muri>. E’ la storia di cos’era il manicomio quando esistevano i manicomi, cioé prima della legge Basaglia. La Lazzarini è sola in scena e parla con il pubblico: racconta di se stessa, infermiera dei matti a Trieste, di quello che ha fatto e di quello che ha visto fare. Racconti atroci: camicie di forza, dosi massicce di psicofarmaci, persone lobotomizzate, sottoposte a elettroshock. Persone umiliate, svuotate. Il dialetto triestino è dolcissimo, e quasi stride con l’orrore dei racconti. <Da vicino nessuno è normale>, ho ancora scritto su una maglietta che ho preso proprio a Trieste, all’inizio della rivoluzione di Basaglia.  Sono riuscito a rubare un paio d’ore nella mia corsa di candidato per non perdere quella che si annunciava come una lezione di civiltà. (altro…)