Mi hanno girato questo compito in classe, titolo <Una persona che ammiro>. Mi ha riempito di tenerezza e allora, almeno un pezzetto, lo giro anche a voi:

<La persona per cui provo ammirazione, a parte i miei genitori, si chiama Giuliano Pisapia. Pisapia è un signore di mezz età, con i capelli bianchi, un naso regolare, gli occhi marroni, né barba né baffi. Pisapia di lavoro fa l’avvocato, il più bravo d’Italia, anzi!!: il più bravo del mondo!! In questo momento, però, si deve occupare della campagna elettorale per diventare sindaco di Milano, una cosa per niente facile, ma io ho fiducia , se è arrivato a questo punto deve essere proprio bravo! E’ una grande responsabilità essere sindaco di Milano, anche se non lo è ancora, e questo è uno dei motivi per cui lo ammiro.
Lo ammiro anche per la sua determinazione, perché non si arrende, per la sua bravura, per la sua simpatia, per la sua spiritosità, perché è cordiale, affettuoso, tranquillo, audace. Spero che la sua vita e la sua carriera abbiano un buon lieto fine
>.